Gli Ausili per Anziani e Disabili più utilizzati

Gli Ausili per Anziani e Disabili più utilizzati

Per motivazioni differenti, tanto gli anziani quanto i disabili, possono richiedere ausili per la deambulazione. La difficoltà di compiere movimenti comuni potrebbe rendere complicato anche il gesto più abitudinario, ecco perché gli ausili sono studiati per migliorare la qualità di vita.

 

Deambulatore per anziani e disabili

 

Il deambulatore è un sostegno fisico offerto all’anziano o al disabile in grado di mantenere la stazione eretta. La manopole imbottite permettono un appoggio ed una presa confortevole, lasciando che il paziente possa far avanzare la struttura per poi appoggiarvisi e proseguire al suo passo.

 

Sedia a rotelle per anziani e disabili

 

Le sedie a rotelle sono i mezzi di spostamento dei pazienti che mostrano gravi difficoltà deambulatorie, possono essere dunque dotate di motorino elettrico, che consente gli spostamenti tramite un comando posizionato sul bracciolo, o essere provviste di passamani circolari sulle ruote, che consentono il movimento per spinta autoindotta.

 

Scooter elettrici per anziani e disabili

 

Lo scooter elettrico può essere un ottimo ausilio per lo spostamento sulle strade dissestate o sui terreni accidentati, o quando è necessario un mezzo resistente per sostenere corporature robuste. Gli scooter elettrici uniscono velocità, comfort e praticità, senza mai trascurare la sicurezza del paziente.

 

Ausili per la Deambulazione dei Disabili

 

Sollevatore elettrico per anziani e disabili

 

Il sollevatore elettrico è una struttura posizionata sul letto, al fine di favorire il sollevamento del disabile o dell’anziano dalla posizione supina. Soprattutto in caso di pazienti gravemente sovrappeso, il sollevatore elettrico riduce di molto lo sforzo necessario per far compiere il movimento.

 

Materasi antidecubito per anziani e disabili

 

I materassi antidecubito diventano indispensabili quando il paziente non è più in grado di spostarsi o sollevarsi dal letto. Rivestimenti in gommapiuma di gomiti e ginocchia e speciali materassi antidecubito, impediscono la formazione delle piaghe e facilitano il cambio di posizione.

 

Montascale per anziani e disabili

 

A piattaforma o a poltroncina, il montascale permette di superare l’ostacolo fisico delle scale, senza il minimo sforzo fisico. Il sistema elettrico è infatti il mezzo ideale per salire i piani in totale relax e sicurezza, lasciando autonomia anche agli anziani e ai disabili che conservano una certa capacità motoria.

 

FONTE: www.vita-facile.it

Prodotti per il Benessere della persona

Prodotti per il Benessere della persona

La nostra vita quotidiana ci impone ormai troppo spesso ritmi frenetici. Il nostro corpo ne risente e subentrano così inestetismi della pelle e malesseri stagionali. Per contrastare questi inconvenienti, possiamo ricorrere a prodotti specifici per il benessere della persona.

Questi prodotti non sono altro che creme, lozioni e integratori alimentari e ci aiutano a combattere in modo naturale i piccoli problemi in cui incorriamo periodicamente.

 

Le creme per il benessere

 

Per quanto riguarda il lato estetico, ci sono diverse tipologie di creme che ci vengono in aiuto quando non vogliamo, o non possiamo, ricorrere a prodotti medici. Le creme più utilizzate per il benessere sono quelle anticellulite, antirughe e le snellenti.

Le creme anticellulite agiscono sui tessuti per contrastare l’effetto a buccia di arancia che troppo spesso ci affliggono. Solitamente sono a base di caffeina, ingrediente molto efficiente per questi scopi. Purtroppo la cellulite è un problema che interessa qualsiasi tipo di fisicità, a prescindere se si ha un corpo magro o più o meno in sovrappeso.

Le creme antirughe invece, servono ad eliminare, o anche solo attenuare, le rughe e le cosiddette zampe di gallina che segnano il nostro volto con il passare del tempo.

Altro discorso è invece per le creme snellenti, che spesso si utilizzano in concomitanza con quelle anticellulite. Si applicano sui punti critici del corpo, quindi cosce, pancia e fianchi, e attenuano gli accumuli di grasso che si depositano in queste zone. Se abbinate a una corretta alimentazione, permettono di avere ottimi risultati.

 

Gli integratori alimentari

 

Esistono in commercio una miriade di tipologie di integratori alimentari. Si possono trovare sotto forma di pasticche, gocce, infusi o polveri solubili. Ogni integratore assolve a una determinata funzione specifica, a partire da quelli che facilitano il dimagrimento, quelli per migliorare le funzionalità intestinali, o anche quelli che aiutano l’organismo nei periodi più stressanti come il cambio di stagione.

Non sono sostitutivi dei pasti, ma integrano la nostra alimentazione anche apportando vitamine e sali minerali in più, dei quali il nostro corpo a volte sente la mancanza.

In linea di massima però, mentre per le creme non esistono particolari prescrizioni mediche, tranne per una piccola minoranza, per gli integratori è sempre preferibile chiedere un parere al nostro medico o al farmacista di fiducia prima di assumerli. Solo loro potranno indirizzarci verso l’integratore più adatto alle nostre esigenze.

Comodo formato di valeriana in compresse: valeriana system

Comodo formato di valeriana in compresse: valeriana system

La prima Valeriana in compresse a rilascio rapido nel comodo formato 30+30 da 205 mg. Valeriana System è anche disponibile nella formulazione Forte in blister da 20 compresse da 300 mg.

Valeriana System: cos’è?

E’ un integratore alimentare di Vitamina B6 con estratto secco standardizzato di Valeriana Radix che può essere impiegato ogni qualvolta sia necessario integrare il fabbignoso giornaliero di questa fondamentale vitamina. Valeriana System, inoltre, nel comodo formato di valeriana in compresseè un ottimo rimedio naturale contro i problemi legati all’ansia, allo stress e all’insonnia.

Valeriana System: quando occorre?

dormire bene compresseDa sempre la Valeriana è conosciuta per le sue molte virtù fitoterapiche e in particolar modo per i suoi effetti rilassanti. L’estratto di Valeriana, inoltre, è la soluzione meno invasiva e più naturale per attenuare tutti i disturbi associati allo stress e al sonno. Molti studi clinici hanno confermato che il principio attivo di Valeriana migliora notevolmente la qualità del sonno e garantisce un tempo necessario minore per addormentarsi. Ciò è determinato dal fatto che l’estratto di questa pianta agisce come sedativo sul sistema nervoso.

Valeriana System è consigliata anche in caso di: eccitabilità, asma nervosa, emicrania, deficit di attenzione, lievi tremori, iperattività, dolori mestruali e mal di stomaco.

Posologia

La dose giornaliera di Valeriana System è di 1 -2 compresse al giorno da assumere con mezzo bicchiere di acqua. Se utilizzata come rimedio per l’insonnia si raccomanda l’uso di Valeriana System mezz’ora prima di addormentarsi.

Avvertenze e controindicazioni

Trattandosi di un rimedio naturale, Valeriana System non presenta particolari controindicazioni ma è bene non eccedere con le dosi consigliate e non protrarre il trattamento per più di 60 giorni. Talvolta, infatti, potrebbero comparire palpitazioni, vertigini, cefalea e problemi gastrointestinali. Per questo motivo, in caso di malattie epatiche, è sempre meglio contattare il proprio medico curante.

Gli effetti collaterali, tuttavia, sono pressoché rari e la loro insorgenza può essere limitata rispettando i tempi e le dosi raccomandate. E’ sconsigliato l’uso nei bambini di età inferiore a 12 anni.

Come Mettere le Lenti a Contatto senza rovinare l’occhio?

Come Mettere le Lenti a Contatto senza rovinare l’occhio?

Come si mettono le lenti a contatto senza fare danni

 

Le lenti a contatto sono una delle moderne invenzioni che ha segnato una svolta nella vita di migliaia di persone.

Invece che dover indossare costosissimi occhiali, che per di più spesso si rivelano scomodi o troppo fragili, basta applicare una piccola lente di materiale plastico direttamente sull’occhio per risolvere ogni problema.

Spesso però, questo è proprio il maggior problema.

Riuscire ad indossare le lenti a contatto senza venire a contatto con l’occhio, soprattutto se sei ai tuoi primi utilizzi, può rivelarsi molto più difficile di quanto si pensi.

Bisogna infatti sempre ricordare che, oltre che al dover sempre essere pulite, le lenti non devono venire in contatto con nessuna superficie che non sia l’apposito contenitore, le tue mani e, infine, l’occhio.

Andranno tenute per ore, per cui è fondamentale evitare che si sporchino, o che possano riempirsi di batteri che potrebbero provocarvi un infezione all’occhio.

Si tratta poi di qualcosa di molto fragile, una piccola pellicola che dovrete maneggiare con molta cura sia nel metterle che, soprattutto, nel toglierle.

 

La conservazione delle lenti a contatto

 

Innanzitutto dovete assicurarvi di conservare le vostre lenti a contatto nel modo più sicuro possibile.

Che siano settimanali, bisettimanali o mensili, dovrete sempre assicurarvi che, fino all’ultimo utilizzo, siano conservate in un ambiente più sterile possibile, nel loro apposito liquido.

Procuratevi quindi un contenitore adeguato, un piccolo astuccio di plastica con due scompartimenti, uno per lente, da utilizzare solamente per riporle.

Trattatele poi con solo l’apposito liquido che vi fornirà il vostro oculista: solo con quello potrete sciacquarle e ripulirle a dovere, per poi conservarle.

Non utilizzatele poi dopo la data si scadenza, il materiale del quale sono costituite tende successivamente a fornire un terreno fertile per la proliferazione di batteri che potrebbero essere molto dannosi per i vostri occhi.

Ricordate, infine, di lavare sempre bene le vostre mani prima di maneggiarle, si tratta della regola più importante da seguire quando si parla di lenti a contatto.

 

Come mettere le lenti a contatto giornaliere

Come applicarle nel miglior modo le lenti a contatto

 

Per mettere facilmente le lenti a contatto, per prima cosa dovrai prelevarle dall’apposito astuccio, puoi farlo con la punta di indice e pollice, cercando di piegarle il meno possibile.

Nel caso in cui utilizzi un tipo diverso di lente per occhio, controlla bene di aver preso quella giusta.

A questo punto spostala sulla punta dell’indice, che deve essere ben asciutto in modo da non crearti problemi successivamente.

Controlla poi che siano nel verso giusto, potresti averle girate l’utilizzo precedente.

Quindi, con la mano nel quale non hai la lente, tira verso l’alto la palpebra superiore, in modo da evitare di chiudere gli occhi per riflesso e rovinare la lente.

Avvicinala quindi all’occhio, sfruttando il dito medio per tenere aperta anche la palpebra inferiore.

Subito dopo quindi muovi l’indice con sicurezza verso l’occhio, guardando verso l’alto, adagiando lentamente la lente sulla superficie.

Successivamente centrala con l’occhio spostandola, se necessario, con l’indice.

Presta attenzione a non toccare l’occhio con la mano sinistra o con il medio della destra, in modo da ridurre al minimo l’irritazione.

 

Rilassa l’occhio e verifica di averla inserita bene

 

A questo punto rilassa l’occhio, sbattendo le palpebre ed assicurandoti di riuscire a vedere bene da dietro la lente.

Se, a questo punto, non sentirai alcun fastidio, potrai dire di aver indossato la lente con successo, riducendo al minimo il contatto con l’occhio e, soprattutto, evitando inutili pericoli per la tua vista.

 

Intervento di Mastoplastica Additiva: Centri a Roma

Intervento di Mastoplastica Additiva: Centri a Roma

La mastoplastica additiva è diventata nella società attuale un’operazione molto ambita da tante donne che puntano ad un seno più prosperoso e che possa essere anche esteticamente ideale per la propria corporatura. Un intervento desiderato da molte donne, sulla scia delle tantissime celebrità che hanno ammesso di aver compiuto qualche ritocco per il proprio seno, regalando dunque al proprio corpo delle nuove forme, più armoniose e certamente abbondanti che possono rendere desiderabili ancor di più.

Tanti sono i medici chirurghi che a Roma effettuano un intervento di mastoplastica additiva a Roma con risultati garantiti e sicuramente molto soddisfacenti.

Dottor Giulio Basoccu: chirurgo internazionale

Il dottor Giulio Basoccu è uno dei chirurghi estetici più importanti a livello nazionale e non solo. Infatti, nonostante la giovane età, vanta una ottima esperienza anche a livello internazionale, affermandosi come uno dei più autorevoli nel campo della mastoplastica additiva. Lo studio del dottor Basoccu è in pieno centro a Roma e sarà disponibile per un appuntamento in modo da valutare in maniera attenta la situazione. Col dottor Basoccu è possibile letteralmente personalizzare l’intervento di mastoplastica additiva scegliendo così le dimensioni e le forme delle protesi mammarie che si vogliano utilizzare. Nessun problema anche per quanto riguarda i materiali utilizzati per le protesi, sempre nel rispetto dell’organismo in cui andranno impiantate. Disponibile online il sito ufficiale del dotto Basoccu con cui poter conoscere nei dettagli l’intervento e poter prendere contatti per un primo appuntamento.

Chirurgia del seno: il dottor Vincenzo Galante

Il dottor Vincenzo Galante è un importante chirurgo operante nella capitale italiana e che da anni garantisce ottimi risultati nel campo della mastoplastica additiva. Un intervento che, come spiegato dallo stesso dottor Galante, viene effettuato nella maniera più seria e scrupolosa possibile così da non creare futuri problemi per chiunque vogli sottoporsi a tale intervento. Sarà necessario prendere un appuntamento col dottore e svolgere una prima visita di controllo così da verificare tutto ciò che è necessario fare per una mastoplastica additiva al seno. L’intervento viene effettuato in DaySurgery con anestesia generale o locale a seconda delle condizioni del paziente. Inoltre Chirurgia x Estetica che fa capo al dottor Galante utilizza protesi delle migliori marche e qualità.

seno

La Clinique: mastoplastica con ottimi risultati

Anche La Clinique, celeberrimo centro medico, si occupa dell’operazione di mastoplastica additiva al seno. Infatti anche presso la sede romana dell’azienda si possono effettuare questo tipo di operazioni. Prenotabile direttamente online la prima consultazione gratis, con successivi sconti sulle visite che dovranno precedere l’operazione. Lo staffe de La Clinique garantisce assistenza completa e soprattutto grande competenza in tema di chirurgia estetica. Utilizzate nell’operazione le protesi Allergan Medical che riducono qualsiasi possibile allergia e soprattutto dalle caratteristiche ideali per poter essere usate nell’ambito operatorio.

Dottor Andrea Ingratta: interventi al seno garantiti

Interventi al seno di qualità e con ottimi risultati vengono garantiti anche dal dottor Andrea Ingratta, medico chirurgo che da anni si impegna a soddisfare le esigenze dei numerosissimi clienti. Sul sito ufficiale sono disponibili i dettagli sull’operazione e anche sulla strumentazione utilizzata. Prevista una visita preoperatoria, fondamentale per poter prendere misure e parametri base per effettuare l’operazione in sé e successivamente si passa alle varie fasi dell’intervento, sotto l’attento controllo di staff altamente qualificato e che permetterà di vivere l’intervento chirurgico nella maniera più sicura possibile. Il dottor Andrea Ingratta garantisce anche un attento screening nel periodo successivo all’operazione così da verificare la qualità dell’intervento effettuato.

Il Liquido per la Sigaretta Elettronica ha controindicazioni?

Il Liquido per la Sigaretta Elettronica ha controindicazioni?

Controindicazioni del Liquido per Sigarette Elettroniche

In molti la criticano, mentre molti altri l’apprezzano: la sigaretta elettronica, ed in particolar modo il suo liquido, hanno delle controindicazioni oppure no?

Ecco tutte le risposte alle domande che si possono porre sulle controindicazioni.

 

Piccola pellicola sulla lingua

 

Uno degli effetti che si potrebbero riscontrare dall’utilizzo della sigaretta elettronica riguarda una piccola pattina sulla lingua, come se questa fosse bruciata.

Effettivamente, questa conseguenza negativa non deriva proprio dal liquido della sigaretta elettronica, ma dalla temperatura del fumo che viene aspirato.

Il calore del fumo infatti potrebbe, seppur leggermente, bruciare la lingua nella parte superiore.

Nulla di grave ovviamente, visto che basterà evitare di utilizzare la sigaretta elettronica per qualche giorno, o abbassare il voltaggio della batteria, qualora il dispositivo ne fosse in possesso.

 

Le macchie sulla pelle

 

Quante volte è capitato di dover pulire il filtro o la cartuccia della sigaretta elettronica, che magari si è sporcata di liquido?

Sicuramente questa particolare operazione è stata svolta diverse volte, e magari qualcuno ha utilizzato le mani nude per poter rimuovere il liquido.

Purtroppo, questo metodo di operare non è consigliato, in quanto si andrà incontro alla prima controindicazione del liquido per sigaretta elettronica, ovvero le mani macchiate di giallo o arancio.

Attenti alla salute se utilizzate sigarette elettroniche

Da che cosa deriva questo problema?

 

Semplicemente dal contatto del liquido contenuto nella sigaretta elettronica con la pelle: se questo possiede un livello elevato di nicotina, e si procede in questo modo, si rischia di macchiare la pelle.

Così come le mani gialle si manifestano quando si fumano tante sigarette, anche quando si pulisce la sigaretta elettronica in questo modo si rischia di andare incontro alla medesima situazione tutt’altro che positiva, che a lungo andare potrebbe creare un disagio psicologico ed una sensazione di sporcizia.

Stesso discorso per i vestiti: la sigaretta elettronica potrebbe macchiare i vestiti, e difficilmente l’alone lasciato potrebbe scomparire.

Pertanto bisogna porre la massima attenzione nel momento in cui si utilizza la sigaretta elettronica, in quanto il liquido potrebbe creare questi particolari problemi, che seppur lievi possono essere tutt’altro che gradevoli e piacevoli da sopportare.

 

Pesantezza nel petto e qualche dolore

 

Se si fuma poco la sigaretta classica, e si passa a quella elettronica, il liquido potrebbe creare due piccoli problemi al fisico di una persona.

Il primo consiste nella pesantezza nel petto, ovvero una sorta di respiro affannato e pesante.

Questo deriva dal fatto che magari, la quantità di nicotina presente nel liquido è superiore rispetto quella che si è abituati ad aspirare, e pertanto si potrebbero sentire questi piccoli disturbi respiratori, ovviamente non gravi.

Anche qualche dolore muscolare potrebbe essere avvertito dal fumatore, e questo sempre per lo stesso motivo: il corpo manda dunque dei chiari segnali che fanno capire al fumatore che la sigaretta elettronica viene utilizzata in eccesso, e che probabilmente il liquido che si sta aspirando risulta essere tutt’altro che accettato dal proprio corpo.

Esse sono alcune delle conseguenze che si possono avere col liquido della sigaretta elettronica, e pertanto bisogna sempre prestare la massima attenzione nel momento in cui si procede all’acquisto di uno dei tantissimi liquidi per la sigaretta presenti in commercio.

La sindrome da apnee notturne: cos’è e come contrastarla

La sindrome da apnee notturne: cos’è e come contrastarla

Apnee notturne: cosa sono

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il problema delle apnee notturne è abbastanza frequente, soprattutto in chi russa: si calcola infatti che circa la metà delle persone che normalmente russano sia portata a presentare episodi più o meno ricorrenti di apnee notturne. Si tratta di una vera e propria sindrome che prevede l’interruzione della respirazione di chi ne soffre;

solitamente le apnee notturne durano pochi secondi, ma a volte, nei casi più gravi, possono durare anche uno o due minuti. Si tratta di episodi ricorrenti, che si ripetono cioè moltissime volte nell’soluzione apnee notturnearco di un’ora (si calcola che in sessanta minuti sia possibile avere anche più di trenta apnee dalla durata variabile). A volte il respiro non s’interrompe del tutto, ma rallenta così tanto che è come non respirare.

La sindrome da apnee notturne viene considerata una patologia cronica, le cui conseguenze più importanti si riscontrano sulla qualità del sonno, che in molti casi viene gravemente compromessa. Quando infatti il respiro rallenta, oppure cessa del tutto, l’organismo passa da una fase di sonno molto profonda – che è quella più rigenerante, che consente al mattino di sentirsi riposati e in forma – a un sonno molto leggero, che viene facilmente interrotto da rumori o anche dal proprio russare.

Cause e conseguenze della sindrome da apnee notturne

Chi soffre di apnee notturne, dunque, non dorme bene e soprattutto anche dopo un riposo di diverse ore non si sveglia mai al 100% delle proprie forze, realmente riposato come sarebbe se il suo sonno fosse stato davvero di qualità, ovvero profondo. Dal momento che si tratta di un disturbo che affligge i pazienti durante il sonno, chi ne soffre solitamente non se ne accorge; è chi gli dorme accanto a rilevare il problema, che quasi sempre è collegato anche a un russare forte e discontinuo.

A soffrire di più di apnee notturne sono gli obesi o chi ha le tonsille ingrossate: in entrambi questi casi, che non di rado interessano anche i bambini, si parla di apnee ostruttive. L’apnea centrale nel sonno è invece un tipo di apnea meno frequente causata da una piccola disfunzione cerebrale: la zona del cervello preposta al controllo della respirazione per alcuni secondi durante il sonno va in tilt, non inviando segnali corretti ai muscoli interessati dalla respirazione, che cioè la determinano; ecco che allora per qualche secondo la respirazione s’interrompe o rallenta.

I rischi correlati

Conseguentemente a ciò, i livelli di ossigeno nel sangue si abbassano anche di molto, e allora il cervello disturba il sonno per creare allerta nell’organismo e far sì che la respirazione torni normale, anche se a volte solo per pochi minuti prima di un ulteriore episodio di apnea. Sebbene non mettano il soggetto a rischio di vita, le apnee notturne favoriscono insonni e stress e soprattutto, aumentando la frequenza cardiaca, aumentano il rischio di soffrire di ipertensione e aritmie, nonché quello di ictus e infarto.

Chi soffre di questa sindrome è inoltre più predisposto a patologie come obesità e diabete, visto che anche il metabolismo risulta alterato. Che fare dunque se si scopre di soffrire di apnee notturne?

Cure e rimedi

Le apnee notturne possono essere curate soltanto dopo un’apposita diagnosi da parte del medico di base, in quale se necessario rimanderà il paziente ad altri specialisti. Egli accerterà l’eventuale presenza di gonfiori o ingrossamenti di tessuti e tonsille, notando se anche l’ugola o il palato appaiono ingrossati. Se necessario, inoltre, imporrà al paziente una dieta o una radicale modifica dei propri stili di vita, decidendo quando è il caso di rivolgersi a neurologi o esperti del sonno.

A cosa serve la corona dentale?

A cosa serve la corona dentale?

Cos’è una corona dentale

Una corona dentale è una capsula composta da un cuore in metallo resistente e da un rivestimento in ceramica o resina, la quale ricopre alla perfezione il dente danneggiato, rafforzandone la struttura e proteggendolo da eventuali fratture. Il fissaggio della corona avviene: quando il dente è stato distrutto dalla carie e non è possibile recuperarlo utilizzando altre tecniche odontoiatriche; il dente è colpito da un’infezione della polpa dentale. Oltre a queste, l’applicazione può avvenire quando il dente si rompe facilmente a causa di un’eccessiva fragilità o è stato devitalizzato e ha bisogno di una capsula artificiale; se si è affetti da malattie che provocano l’eliminazione dello smalto dentale o se il dente è rotto, scheggiato e lesionato. Come si può comprendere, la corona dentale è l’applicazione artificiale di una capsula che va a sostituire quella naturale del dente in modo tale da restituire le funzionalità originarie dentali, limitate da denti rotti, scheggiati o che hanno subito lesioni serie. Oltre a questo, la corona artificiale ridona all’arcata dentale un aspetto estetico armonioso a tutta l’arcata, come conferma il lavoro a regola d’arte compiuto dai dentisti di Marsala sui denti rotti dello studio Soluzione Sorriso.

interventi dentisti marsala

Corona in metallo composito e in metallo porcellana

Come già affermato in precedenza, la corona dentale è costituita da due sezioni principali: un’interna e un’esterna costituita da un rivestimento che deve essere liscio e allo stesso tempo resistente e solido. Il cuore della capsula costituito da leghe metalliche che possono essere: oro, zirconio, platino, cromo, cobalto e acciaio. Il rivestimento esterno può essere realizzato in porcellana, da una fusione di resina e oro, o da metallo composito. Le capsule realizzate interamente in resina solitamente sono di tipo provvisorio. La corona in metallo composito è composta da leghe di metalli seminobili e nobili. Sul metallo si applica un tipo composito nano ibrido contenente granelli lecociti in grado di conferire una certa naturalezza, lucentezza e qualità meccaniche alla struttura dentale nella quale è applicata. La corona in metallo porcellana è una capsula molto richiesta dai pazienti e allo stesso tempo consigliata da molti odontoiatri. Il cuore della corona è realizzato in metallo resistente, mentre il rivestimento è in porcellana lucida in modo tale da dare un aspetto naturale al dente. Nel dettaglio, i metalli impiegati per questa realizzazione sono: cromo cobalto, cromo nichel, oro, titanio o platino. Tuttavia, quando si fa riferimento alla capsula in metallo porcellana, si fa riferimento a prodotti realizzati con cromo cobalto. I vantaggi di questo tipo di materiale sono tante: buon rapporto qualità-prezzo, resistenza, forza e un aspetto naturale.

Vantaggi e svantaggi della corona dentale

I vantaggi di una corona dentale sono innumerevoli, soprattutto se il lavoro è fatto nella giusta maniera. In primo luogo tutta l’arcata dentale sarà esteticamente armoniosa e funzionalmente parlando il dente danneggiato sarà in grado di svolgere le normali funzioni masticatorie. Gli svantaggi sono dati da una rottura o scheggiatura maggiore rispetto a un dente naturale; proprio per questo motivo, quando si possiede una corona artificiale, è sconsigliato assumere cibi curi e troppo croccanti.