Come preparare i pitoni messinesi

Come preparare i pitoni messinesi

Cosa sono

I pitoni messinesi, sono dei gustosi calzoni fritti ripieni tipici della rosticceria messinese. Sono semplici da preparare, anche in casa, e possono essere farciti con ingredienti diversi che variano da ricetta a ricetta.

rosticceria messinese pitoneIngredienti per l’impasto:

250 g di farina di semola
250 g di farina di manitoba
25 g di zucchero
40 g di olio di semi
280 g di acqua
sale q.b.
una bustina di lievito di birra o un cubetto

Ingredienti per il ripieno:

250 g di invidia riccia o di scarola
250 di tuma
200 g di pomodori di pachino
formaggio o mozzarella
origano q.b.
acciughe sott’olio q.b
sale q.b.
olio extravergine di olivo q.b.

Ingredienti per la frittura:

Olio di semi

Procedimento per la realizzazione di 15 pitoni messinesi:

La prima cosa da fare, è versare in una ciotola la farina di semola e di manitoba, lo zucchero, il sale e mescolare. Una volta concluso questo passaggio, bisogna aggiungere ai 280 g di acqua tiepida il cubetto o la bustina di lievito ed aspettare che si sciolga. L’acqua contenente il lievito dovrà poi essere aggiunta al composto realizzato inizialmente ed il tutto dovrà essere mescolato fino ad ottenere un composto omogeneo. Come ultimo passaggio, va aggiunto l’olio che dovrà essere assorbito completamente, sempre continuando a mescolare.
L’impasto ottenuto dovrà riposare per un’ora al buio.

Una volta cresciuto, l’impasto, va diviso in 15 pezzi ( potete variare le dimensioni a vostro piacimento). Questi ultimi, dovranno poi essere lavorati in modo da formare dei piccoli cerchi che, una volta preparati per forma e per numero, dovranno a loro volta riposare circa 15-20 minuti.

Mentre i cerchi riposano, si può iniziare a preparare il ripieno: l’indivia riccia o la scarola e i pomodori vanno lavati, asciugati e tagliati a piccoli pezzi e conditi con sale. Anche il formaggio e le acciughe dovranno essere tagliate a piccoli pezzi.

Passati i 15 minuti, i cerchietti possono essere riempiti. Al centro di questi ultimi, va messa un pò di indivia riccia, un pò di formaggio (o mozzarella), i pezzi di acciughe, un filo d’olio e, per chi lo preferisce, anche l’origano. Una volta riempiti, i pitoni, devono essere chiusi cercando odi dargli la forma di una mezza luna o di un cornetto.

È arrivato ora il passaggio finale: la frittura dei pitoni. Vanno fritti preferibilmente in una friggitrice, ma anche una padella alta va bene. In ogni caso, aggiungete una grande quantità di olio di semi, per evitare che i pitoni si brucino. Una volta fatto riscaldare l’olio a fiamma bassa, aggiungete i pitoni lasciandoli cuocere per pochi minuti da una parte e per pochi minuti dall’altra. I pitoni prenderanno subito un aspetto dorato quindi, per evitare che si brucino, controllateli spesso.
Una volta cotti, se è stata utilizzata la padella, mettete i pitoni in un piatto grande su della carta assorbente. Se lo strumento utilizzato per la cottura è la friggitrice, invece, i pitoni vanno scolati con una schiumarola. In questo modo tutto l’olio in eccesso verrà assorbito e i pitoni risulteranno meno pesanti.

È preferibile servirli tiepidi, poiché dopo essersi raffreddati, il formaggio all’interno potrebbe essersi leggermente indurito. In ogni caso delizieranno voi e i vostri ospiti!