Visite guidate a Torino: pro e contro

Visite guidate a Torino: pro e contro

Il miglior servizoi di visite guidate a Torino

Torino, la città dei misteri

 

Che Torino sia una delel città più affascinanti in Italia non è affatto un segreto. La sola distanza che separa questa città dalla città di Vaticano (666 chilometri, secondo alcuni cartografi), ne fa una meta speciale per tutti gli appassionati di mistica o esoterismo. Non solo. La città stessa è piena fino all’orlo di vari monumenti particolari che attraggono l’interesse di varie persone provenienti da tutta l’Italia.

La città è costruita secondo uno schema particolare e vanta al suo interno così tanti edifici particolari e opere d’arte uniche nel loro genere che ogni anno riceve visite sia dal resto d’Italia che dall’estero (soprattutto dalla vicina Francia e dalla meno vicina Germania). Trattandosi di una città turistica che ogni anno deve smaltire numerose visite turistiche di persone provenienti anche da Stati lontani come gli Stati Uniti d’America o Russia, al suo interno vi sono diverse guide turistiche che possono aiutare gli interessati nella scoperta del capoluogo del Piemonte e dell’omonima provincia.

Non solo. A Torino vi sono anche numerosi servizi che possono aiutare nello scoprire le zone circostanti alla grande città. Tutto ciò che ci vuole è semplicemente il desiderio. E anche la presa di coscienza del fatto che a Torino e nei dintorni c’è molto da vedere.

 

I lati positivi delle visite guidate

 

Acquistando i servizi di una visita guidata a Torino si potrà accedere ai luoghi meno conosciuti ai turisti e scoprire di più sulla storia della mistica città rispetto a come si farebbe se si visitasse Torino completamente soli. Ogni viaggiatore, munendosi di un’adeguata guida turistica, avrà modo di addentrarsi anche nei vicoli più bui e meno sconosciuti della città. Inoltre, grazie alle guide turistiche esperente si avrà modo di vedere e scoprire ciò che resta nascosto dinnanzi agli occhi di molti visitatori del capoluogo piemontese.

Si dovrà certamente camminare molto tra i vari posti che caratterizzano la città esoterica, ma ne sarà sicuramente valsa la pena. Inoltre, le conoscenze delle guide turistiche permettono di far loro delle opportune domande scoprendo ancora di più a proposito della storia cittadina. Tutto questo aumenta sicuramente l’appetibilità delle visite e permette di trascorrere il tempo in modo più divertente rispetto a come lo si sarebbe se si fosse soli.

 

I lati negativi delle guide turistiche

 

Una di queste è sicuramente il costo. Trattandosi di una grande città che per la maggior parte dev’essere scoperta da dei novellini, occorre considerare che le visite guidate a Torino del posto non sono tra i più economici. Inoltre, una barriera sicura potrebbe essere rappresentata dalla lingua di comunicazione. Difatti non è raro sentire le guide turistiche torinesi parlare nel dialetto piemontese, praticamente incomprensibile sia per il resto degli italiani, che per gli stranieri stessi.

Per fortuna, però, ci sono anche le guide turistiche in grado di parlare un italiano corretto, oltre a quelle che si destreggiano più che bene nella lingua inglese. Tra i lati negativi di una guida turistica torinese vale anche la pena ricordarsi il modo di spiegare. Difatti, non è raro incontrare donne che parlano troppo velocemente camminando tra i vari posti del capoluogo piemontese.