Implantologia dentale: cosa è e quando serve

Implantologia dentale: cosa è e quando serve

Quando ricorrere all’implantologia dentale

 

Gli impianti dentali sono la scelta adatta per ripristinare i denti mancanti o danneggiati.

Forte e stabile, un impianto dentale sostituisce il dente perso in modo che appaia, si adatti e funzioni in maniera del tutto naturale.

Ci sono casi ancor più gravi per cui bisogna ricorrere all’implantologia, ossia il deterioramento delle ossa, che interferisce con azioni quotidiane come mangiare, sorridere e parlare.

Pensati per durare, gli impianti dentali sono una soluzione a lungo termine.

Rispetto ai tradizionali ponti che possono avere bisogno di rifacimenti periodici, possono durare una vita, se correttamente posizionati e curati nel corso degli anni.

Impianti dentali per un sorriso perfetto

 

Un volto senza denti può incurvarsi e apparire triste.

La salute dei denti è fondamentale per chi ama avere un aspetto curato e piacente.

 

Studio Cannizzo specializzato in implantologia dentale

 

Quando in bocca ci sono spazi vuoti a causa della perdita di uno o più denti, si presentano inevitabilmente altre problematiche, come il deterioramento delle ossa di mascella e mandibola.

Quando non viene utilizzata per supportare un dente naturale, la mandibola perde la sua resistenza e la compattezza.

Gli impianti dentali sono la soluzione ideale per restaurare il sorriso in maniera durevole, mantenendo la forma del viso più naturale possibile.

 

Le fasi dell’intervento di implantologia dentale

 

Gli impianti dentali vanno inseriti direttamente nella mandibola, nella radice del dente che manca, senza andare ad interferire con i denti sani.

La maggior parte delle procedure di implantologia dentale vengono eseguite presso lo studio del dentista.

L’anestesia locale è di solito sufficiente per queste pratiche ambulatoriali.

Un impianto comprende tre elementi:

  1. La radice è la parte non visibile, composta in titanio.
  2. Altra parte dell’impianto dentale è il moncone, che unisce la radice al dente artificiale.
  3. La corona è invece l’elemento visibile della protesi.

Quest’ultima può essere in oro, oro-ceramica, resina, porcellana fusa.

La scelta dipende dai gusti del cliente e comporta delle variazioni sul prezzo finale dell’impianto dentale.